Le tecnologie candidate a Made in Trieste che hanno ricevuto almeno una Lettera di Intenti da parte di un’azienda, potranno essere oggetto di un Progetto di ricerca applicata finalizzato alla verifica delle prestazioni e/o applicabilità delle tecnologie di interesse, presentato congiuntamente dai ricercatori proponenti e dall’azienda interessata.
La documentazione necessaria a formalizzare la partecipazione alla Call for Projects comprende:

La documentazione va inviata all’indirizzo PEC protocollo@pec.areasciencepark.it (in copia conoscenza a madeints@areasciencepark.it) entro il 31 agosto 2017.
AREA Science Park sosterrà la realizzazione di 8 Progetti di R&D tramite l’erogazione di assegni di ricerca annuali. Qualora il numero di progetti candidati alla Call for Projects sia maggiore, AREA Science Park si riserverà di effettuare una valutazione comparativa, avvalendosi di esperti esterni. La valutazione verrà effettuata assegnando a ciascun Progetto proposto un punteggio, calcolato sulla base dei criteri di seguito descritti:

  1. Grado di innovatività, in termini di miglioramento competitivo atteso rispetto allo stato dell’arte nazionale e internazionale, specificando l’avanzamento e lo sviluppo di nuove competenze/capacità, tecnologie/approcci o prodotti/processi/servizi nello specifico ambito di attività (punteggio da 1 a 10).
  2. Rilevanza e utilità dei risultati, in termini di contributo del progetto alla domanda del mercato o alla soluzione di problematiche di ricerca e sviluppo nel settore di riferimento, attraverso lo sviluppo di tecnologie e metodologie avanzate (punteggio da 1 a 10).
  3. Fattibilità, in termini di appropriatezza del programma sperimentale, coerenza tra attività previste ed obiettivi e risultati attesi, congruità e pertinenza di tempi e costi e l’integrazione di competenze scientifico-tecnologiche pubblico-private (punteggio da 1 a 10).
  4. Capacità tecnico-finanziaria e commitment aziendale, con particolare riferimento a strutture e personale dell’azienda dedicato all’attività di ricerca e sviluppo, loro competenze tecniche e gestionali, nonché alla capacità finanziaria aziendale (punteggio da 1 a 10).

F.A.Q.
  • La tecnologia ha ricevuto più di una lettera di intenti. Si possono candidare più progetti?

    Ci sono due alternative:
    1. se gli apporti delle aziende sono complementari, è possibile presentare un unico progetto con più partner industriali, con il loro consenso e modificando opportunamente i modelli forniti;
    2. la seconda opzione è quella di concorrere con più progetti, uno per azienda, ma, qualora tutti risultassero idonei e finanziati, dovrete scegliere quello cui dedicare l'assegno di ricerca.

  • A chi spetta firmare i documenti per la domanda (Domanda di Partecipazione, NDA e Progetto R&D)?

    La Domanda di Partecipazione e l'Allegato 2 (NDA) vanno firmati dal rappresentante legale o da chi ha potere di firma, sia per l'azienda che per l'Ente (e.g. Direttore di Dipartimento, Direttore Generale). L'Allegato 1 (Progetto R&D) può essere sottoscritto dal responsabile scientifico e dal referente aziendale del Progetto.

  • È necessaria la presenza di AREA Science Park come partner nell'Accordo di Riservatezza (NDA)?

    La sottoscrizione dell'NDA da parte di AREA Science Park non è strettamente necessaria, in quanto il personale coinvolto nelle attività è già vincolato alla riservatezza in virtù delle mansioni svolte. Tuttavia AREA è disponibile a confermare tale impegno verso terzi tramite la firma del NDA, come spesso richiesto qualora sia coinvolta nella definizione dei termini contrattuali e delle modalità di protezione e sfruttamento dell'IP relativa al progetto. Nel caso si ritenga superflua tale ulteriore garanzia, si può sottoscrivere un accordo a due modificando opportunamente il modello fornito. Inoltre, è anche possibile usare un format proprietario a condizione che le obbligazioni siano reciproche (Mutual Non-Disclosure Agreement).

  • Nell'Allegato 1, devo descrivere l'Ente o il mio gruppo di ricerca?

    Nel box 2 dell'Allegato 1 è richiesta una breve descrizione dei partner. In particolare, per il partner scientifico, è sufficiente citare il Dipartimento/Settore di afferenza e descrivere in modo più specifico le competenze e attività scientifiche del gruppo di ricerca che concorre alla call.

  • Come devo compilare la Tabella relativa al budget nell'Allegato 1?

    E' obbligatorio indicare, sia per l'Ente che per l'Azienda, nome e ruolo del personale impegnato a seguire e coordinare le attività dell'assegnista, e stimare il loro impegno in gg/uomo in equivalente €. Se non si riesce a stimare con precisione il budget relativo alle altre voci riportate, è possibile riempire i campi o inserire in nota in modo descrittivo le attività previste (per esempio menzionando che sono previste missioni dell'assegnista presso l'azienda o partecipazione a conferenze/workshop, etc.).

  • Cosa si intende per budget relativo alla strumentazione?

    Il budget da indicare è relativo al costo di analisi/misure o di utilizzo di strumentazione specifica (es. costi di ammortamento), necessarie allo svolgimento delle attività sperimentali descritte nel progetto. Se non si riesce a stimare con precisione il budget relativo, è comunque raccomandabile descrivere, in calce alla tabella, gli strumenti e le lab facilities a disposizione di ciascun partner, che risultino rilevanti ai fini del progetto presentato.

  • Non ho la PEC, posso inviare tutto via posta elettronica?

    No, ai fini di validità legale è necessario che tutta la documentazione venga inviata tramite Posta Elettronica Certificata (PEC), entro il 31 Agosto 2017. Se l'azienda o il gruppo di ricerca non dispongono di un indirizzo PEC, è possibile chiedere l'invio della documentazione ai competenti uffici del proprio Dipartimento/Ente.

  • Chi valuterà i Progetti e quando?

    A valutare i progetti candidati sarà una commissione esterna di esperti scientifici e aziendali non afferenti agli Enti che sono partner del progetto Made in Trieste. Le valutazioni si svolgeranno nel mese di settembre e i risultati verranno pubblicati subito dopo.

  • Come verranno definiti i requisiti per l'assegnista di ricerca?

    Per ciascun progetto finanziato, i partner (gruppo e azienda) potranno definire i requisiti dell'assegnista sulla base delle competenze minime necessarie per sviluppare il progetto. I bandi per gli assegni di ricerca verranno pubblicati in seguito alla selezione dei progetti.

  • Dovrò rendicontare il Progetto?

    Al termine del Progetto sarà richiesta una relazione tecnica sottoscritta dagli stessi firmatari dell'Allegato 1 (Progetto di R&D), accompagnata da una dichiarazione dei legali rappresentati certificante i contributi apportati alla realizzazione delle attività descritte nella relazione stessa. Qualora i contributi non siano quantificabili – ad eccezione dell'impegno in gg/uomo in equivalente € del personale dichiarato nell'Allegato 1 – sarà possibile anche fornirne una descrizione qualitativa.

  • Cosa si intende per "valore produzione e addetti in FTE" (Allegato 1, punto 2.b)?

    Entrambi sono dei dati relativi all’azienda. Il valore di produzione è una voce di bilancio (conto economico), mentre FTE sta per “full time equivalent” (1 FTE equivale ad una persona che lavora a tempo pieno, 8 ore al giorno, per un anno lavorativo). Ad esempio: un’azienda con 3 dipendenti, di cui uno con contratto full time, uno con contratto part-time al 50% ed uno con contratto part-time al 75%, ha un FTE pari a 2.25 (1 + 0.5 + 0.75).